MAPPA DEL SITO ELENCO SITI TEMATICI
Comune di Grosio
Grosio 656 s.l.m. Ab. 4566

Logo suap sued







 


AVVISI IN EVIDENZA - NEWS    accedi qui!!!


 

Barra

Antico e grosso borgo che riveste una grande importanza nel panorama archeologico, artistico e storico della Valtellina. Paese di antiche origini (la zona di Grosio fu abitata in epoca preistorica), dal 1355 fu feudo dei Venosta e nel 1600 ebbe importanti rapporti con Venezia. Paese che diede i natali al più celebre pittore valtellinese: Cipriano Valorsa, valorizzato solo nel 1800, fu definito il Raffaello della Valtellina, e per la sua pittura tipicamente religiosa gli è valsa la qualifica di Pittore Devoto. Questo paese offre ancora intatti quei caratteri di cordialità, solidarietà e tradizioni vive, tanto da costituire uno dei più caratteristici della valle. Inoltre l'amenità dei luoghi, i monumenti, l'ottima cucina locale, sono un buon motivo per fermarsi in visita o per una vacanza estiva. Attività principali sono l'agricoltura e l'artigianato; grazie a un territorio ricco di pascoli e prati, Grosio ha un pregevole patrimonio bovino. Di notevole importanza sono le incisioni rupestri risalenti all'età del bronzo e del ferro, incisioni che insieme ai resti di due importanti castelli (nuovo e vecchio) medioevali, si trovano su un promontorio roccioso tra Grosotto e Grosio, espressione di una concentrazione di millenni di storia locale e della Valtellina intera.

Per valorizzare il complesso archeologico di Grosio è stato costituito il Parco delle Incisioni Rupestri, con sede nella Villa-Museo Comunale Visconti Venosta. Del castello Faustino (o vecchio) si ha notizia già in documenti del 1150, mentre il Castello nuovo risale al 1350 circa, per volontà dei Visconti Venosta ed e uno dei più rilevanti complessi della valle: entrambi svolsero un'importante opera difensiva, vista la loro posizione particolarmente strategica. Importante la visita al centro storico; vi troviamo uno tra i monumenti più rappresentativi del paese: la chiesa di San Giorgio (secolo XIII) e il suo campanile in stile romanico. In via Roma, nei pressi della parrocchiale di San Giuseppe (1626), sorge il palazzo Visconti Venosta (secolo XVI), dimora estiva dell'illustre famiglia e oggi sede del museo civico, della biblioteca comunale e del Parco delle Incisioni Rupestri. Vale sicuramente una visita.


Grosio è caratterizzata da una storica emigrazione a Venezia da cui deriverebbe anche l'uso del tipico costume che molte anziane del luogo indossano tuttora. Una valle interessante e consigliabile per escursioni e passeggiate a qualsiasi turista, è certamente la Val Grosina. Questa magnifica vallata, ricca di boschi, malghe, alpeggi, non ancora contaminata dal turismo residenziale, consente al visitatore di godersi paesaggi belli in un ambiente ancora intatto e naturale.
A Grosio hanno sede importanti impianti idroelettrici della AEM di Milano.

 

Barra

Relazione di inizio mandato

Relazione di inizio mandato

Barra

Pp_FondoPerseo.jpg






Barra