MAPPA DEL SITO ELENCO SITI TEMATICI PRIVACY POLICY
Comune di Grosotto
Grosotto 590 s.l.m. Ab. 1685

Logo suap sued

LOGO NEW ANIMATOBORSE DI STUDIO PER LAUREATI E PER TESI DI LAUREA VOLTE ALLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO "Marina De Piazza"

(Scadenza ore 12.00 del giorno 17/08/2016)

 

Bando  

LOGO ODT

Modello di domanda

LOGO AVVISI E NOVITA



Importante paese che nell'antichità era diviso in vari Cantoni, cioè in contrade, e che conserva ancora alcuni interessanti esempi di edilizia medioevale e abitazioni del '400, '500. Tra i monumenti, spicca il noto Santuario della Beata Vergine delle Grazie iniziato nel 1487 come piccola chiesetta dalla popolazione grosottina, che interpretò lo scampato pericolo della distruzione del proprio borgo da parte dei Grigioni come un miracoloso intervento della Vergine. Nel primo seicento sorse il Tempio attuale, uno tra gli edifici religiosi più significativi della valle. All'interno conserva opere d'arte come l'imponente organo del '700, la bellissima e monumentale ancona lignea, l'importante tela raffigurante la Sacra Famiglia opera di Marcello Venusti (originario di Mazzo e allievo di Michelangelo). Da visitare la ricca parrocchiale di Sant'Eusebio e l'artistico campanile a tamburo ottagonale con cupola. Di fronte alla chiesa, sulla facciata della Casa Parrocchiale è ancora visibile la colonna della berlina, dove un tempo venivano legati i condannati per esporli alle beffe del pubblico. Passeggiando lungo la via Patrioti, tra vecchie dimore signorili e cappelle, si può ammirare una fontana-lavatoio considerata la più bella ed interessante di tutta la Valtellina (1695). Da Grosotto infine si può partire per delle bellissime escursioni nella Val Grosina.